V2X: la mobilità elettrica diventa partner della rete elettrica

La mobilità elettrica può diventare uno strumento per rispondere alla variabilità del meteo in quanto fattore in grado di condizionare la produzione di energia rinnovabile.

Con la sua flessibilità nel breve termine, la batteria infatti offre la possibilità di integrare l’espansione della rete, diventando un importante anello di congiunzione per la transizione energetica. Parliamo del modello V2X dove la ricarica dell’auto è bidirezionale:

  • verso la rete (Vehicle to grid o V2G): una tecnologia che permette alla batteria di mandare elettricità alla rete;
  • verso gli edifici (Vehicle to Building o V2B): l’energia viene trasferita da una batteria del veicolo elettrico a un edificio commerciale per sostenerlo nei carichi di picco;
  • verso l’unità abitativa (Vehicle to home oV2H) che utilizza l’energia accumulata nella batteria del veicolo per soddisfare i consumi della casa, che a sua volta, magari da prosumer, può ricaricare la batteria con un impianto fotovoltaico sul tetto.

Sono questi alcuni dei nuovi strumenti nella transizione energetica che permettono di caricare le batterie delle auto durante i picchi di produzione rinnovabile e caricare l’elettricità dalle stesse alla rete quando la produzione è bassa, ma la domanda alta.
In questo senso, Honda sta collaborando con il consorzio V2X Suisse per dimostrare il ruolo dei veicoli elettrici e della tecnologia di ricarica bidirezionale nel futuro della gestione dell’energia.

Honda fornirà 50 veicoli elettrici all’operatore svizzero di car sharing Mobility. Le unità Honda saranno utilizzate come parte di una flotta di car sharing all’interno di una prova che testerà la ricarica bidirezionale per fornire energia alla rete quando i veicoli non sono utilizzati. Tutti questi strumenti evidenziano come la transizione energetica modifichi il modo di intendere e gestire la produzione energetica e come al contempo essa permetta una flessibilità che un sistema centralizzato fossile non potrebbe offrire.

Insieme alla mobilità elettrica, la transizione energetica implica un cambiamento olistico rispetto a quanto si è fatto fino ad ora, una rivoluzione tecnologica che coinvolge anche la dimensione sociale e gli aspetti comportamentali del singolo cittadino. Entrambe – transizione energetica e mobilità elettrica – richiedono una nuova forma mentis e spesso un nuovo modus operandi, ma offrono in cambio la possibilità di una realtà più sostenibile e vivibile.

V2X: la mobilità elettrica diventa partner della rete elettrica - Ultima modifica: 2022-02-14T18:00:00+01:00 da Repower
3
modelli principali di V2X
Possibili modelli V2X con ricarica auto bidirezinale: con la rete, con l’unita abitativa, con gli edifici.
Repower Single Template 2022 – last article - Ultima modifica: 2022-02-22T15:14:43+01:00 da tnadmin