Sharing e noleggio guidano la svolta elettrica. Nonostante tutto

Forte la contrazione di mercato subita in questo 2020 dal settore del noleggio e del car-sharing. La crisi del turismo e le restrizioni alla mobilità cittadina hanno duramente impattato l’auto condivisa, mentre l’incerto quadro economico ha limitato la mobilità aziendale: un insieme di fattori che ha provocato una forte frenata in un settore che nel 2019 aveva dato segnali positivi.

Nonostante questo, nei primi 9 mesi del 2020 le società di noleggio (a lungo e breve termine e in car sharing) hanno immatricolato ben 5.229 vetture ibride plug-in (PHEV + Rex : +225% vs le 1.611 dello stesso periodo del 2019) e 6.132 elettriche (BEV: +125% vs 2019). Un vero e proprio boom per queste nuove alimentazioni in un comparto che secondo ANIASA – l‘associazione che all’interno di Confindustria rappresenta il settore dei servizi di mobilità – si conferma protagonista assoluto degli acquisti di vetture elettrificate con una quota di immatricolazioni che sale al 42% delle ibride plug-in e al 35% delle elettriche e che immatricola quasi 4 auto elettrificate su 10 vendute nel nostro Paese. «Pur in una fase economica di forte criticità, il noleggio conferma la carica innovativa e il ruolo di volàno per la diffusione delle vetture elettrificate nel nostro Paese. La svolta elettrica non può che passare da una più ampia diffusione della mobilità pay-per-use» afferma Massimiliano Archiapatti, Presidente ANIASA. Le risorse del Recovery Fund costituirebbero un’importante opportunità per rendere la mobilità italiana condivisa più sostenibile, accelerando il rinnovo del parco circolante in chiave “green”.

Effettivamente il noleggio costituisce un elemento strategico dell’economia circolare, grazie a una flotta composta da automobili di ultima generazione e alla capacità di immettere ogni anno sul mercato dell’usato veicoli (a fine noleggio) sicuri e a basse emissioni, in grado di sostituire quelli più inquinanti.

+125%
È IL NUMERO DI BEV IMMATRICOLATE NEI PRIMI 9 MESI DEL 2020 DALLE SOCIETÀ DI NOLEGGIO RISPETTO AL 2019