Mobilità elettrica: nemmeno il cielo è un limite

Al Consumer Electronics Show di Las Vegas del 2020 Hyunday presentò per la prima volta la sua macchina volante. La notizia venne accolta con una certa incredulità anche dalla stampa. A gennaio 2021, esattamente un anno dopo, arriva l’annuncio: la casa giapponese ha siglato un accordo con la città di Los Angeles per trasformare la metropoli californiana nella prima area in cui i velivoli elettrici a decollo verticale (eVTOL) trasformeranno la convulsa situazione del traffico a terra. Il velivolo di Hyundai, sviluppato assieme a Uber Elevate, è un veicolo elettrico con più rotori ed eliche, la cui ridondanza ne aumenta la sicurezza e riduce le conseguenze di un eventuale guasto. La minore dimensione dei rotori e il motore elettrico contribuiscono a ridurne il rumore rispetto ai veicoli con motore a combustione, elemento fondamentale per una città afflitta (anche) dall’inquinamento acustico. Il modello è progettato per decollare verticalmente, passare al volo orizzontale e poi tornare verticale per effettuare l’atterraggio. Inizialmente verrà pilotato, ma più avanti diventerà autonomo. Porterà fino a 5 persone, avrà una velocità di crociera di 290 km/h e un’altitudine di crociera di circa 300-600 metri dal suolo. Secondo Hyundai avrà un’autonomia di 100 chilometri tra una ricarica e l’altra. E non è tutto. Hyundai ha anche rivelato piani per un hub di atterraggio e un “Purpose Built Vehicle” (PBV) ecologico per il trasporto via terra da e verso la stazione. Il PBV utilizzerà l’intelligenza artificiale per trovare rotte ottimali. Ogni PBV sarà in grado di svolgere varie funzioni, come transito, caffetteria o clinica medica. Il progetto sembra davvero disegnare il futuro modello della mobilità, un ecosistema che integra al meglio tutti i mezzi di trasporto, anche conquistando nuovi spazi e aprendo nuove possibilità, sia di trasporto che di incontro.

L’idea di Hyunday piace anche ad Archer e Fiat Chrysler Automobiles che collaboreranno per sviluppare una compagnia aerea di aeromobili elettrici simili, ovvero a decollo e atterraggio verticale (eVTOL) da utilizzare nel trasporto urbano. Archer mira ad avviare la produzione di questi veicoli su larga scala a partire dal 2023. La presentazione del progetto dovrebbe avvenire nel corso del 2021.

2023
Anno in cui gli aeromobili eVTOL di Archer e fiat chrysler automobiles potrebbero arrivare alla produzione su larga scala

Approfondisci

Hyunday e Uber elevate

Trasformeranno la mobilità a Los Angeles